IL CALDO E IL FREDDO

Azienda fondata nel 1971 come impresa familiare ha saputo espandere la propria attività e la propria competenza nei diversi settori degli impianti tecnologici civili e di processo industriale.
Da sempre offriamo un servizio completo al cliente assistendolo in ogni fase dell' impianto: dalla progettazione, realizzazione e la successiva manutenzione dello stesso .
Negli ultimi anni ci siamo specializzati nelle fonti rinnovabili di Energia al fine di
Offrire un servizio all'avanguardia per soddisfare tutte le necessità dei clienti senza trascurare quelle dell’ambiente dove abitiamo.
riscaldamento

Il pensiero dell'impresa

La grande varietà delle competenze convogliate nella sua offerta permettono alla F.lli Cerin di sviluppare e fornire supporti quali sistemi e tecnologie volte ad incentivare il risparmio energetico.

I settori trattati

I campi trattati dalla F.lli Cerin sono ascrivibili a quattro macroaree:
idraulica e termoidraulica,
riscaldamento,
climatizzazione ed aerazione

La ditta può dunque vantare un variegato repertorio di competenze, rispondendo con versatilità a qualunque esigenza in fatto di energia.
impianti di riscaldamento

CONDIZIONAMENTO

Il condizionamento è l'operazione con cui si modificano i parametri di umidità relativa, temperatura e velocità dell'aria di un certo ambiente.
In un impianto di climatizzazione domestico l'unità frigorifera, costituita essenzialmente da un compressore frigorifero e da un condensatore ad aria, viene solitamente installata all'esterno (tipicamente su un balcone). Un foro nella muratura consente il collegamento idraulico ed elettrico, che prosegue all'interno di canalette appositamente create all'interno dei muri dell'alloggio. Nei locali interni, sono posizionati uno o più split, ovvero i dispositivi refrigeranti, all'interno dei quali avviene l'evaporazione del fluido frigorigeno, che ricevendo i comandi dell'utenza, aspirano l'aria interna rilasciandola trattata, che possiede le caratteristiche termo-igrometriche desiderate. In ambienti caldo-umidi, l'impianto provvede a raffrescare l'aria ed a deumidificarla, producendo aria secca ed acqua. L'acqua scartata viene convogliata in tubazioni idrauliche ed espulsa nella rete, ma può anche essere raccolta in un vaso e riutilizzata per irrigazione.

condizionatore aria

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA

Un impianto di Ventilazione Meccanica Controllata con recuperatore di calore, conosciuti con l'acronimo di VMC è, sostanzialmente, un impianto mediante il quale viene garantito un continuo ricambio dell'aria all'interno di un edificio o di singoli locali, con il vantaggio di poter controllare anche la qualità dell'aria immessa e ricambiata.

Esistono fondamentalmente due macro sistemi di ventilazione; o meglio, è possibile realizzare impianti con unità a singolo flusso o a doppio flusso.

Gli impianti VMC si stanno diffondendo e stanno coprendo tutti i settori edilizi, proprio nell'ottica di ottenere edifici ad energia quasi zero. Essi trovano diffusa applicazione nelle case, negli uffici e nelle industrie, e spesso permettono di risolvere problematiche relative ad ammaloramenti interni delle strutture edilizie.

Questo può avvenire in presenza di ponti termici e dove la percentuale di umidità relativa è elevata (come spesso si osserva nei bagni e nelle cucine), e dove la salubrità dell'aria è un fattore essenziale per la salute delle persone (come possono essere le camere da letto o stanze singole dove gli occupanti trascorrono gran parte del loro tempo).

Già dal 1983 l'Organizzazione Mondiale della Sanità - OMS ha riconosciuto una patologia associata agli ambienti residenziali e lavorativi, la SBS, ossia Sick Building Syndrome, Sindrome da Edificio Malato, che corrisponde ad una combinazione di disturbi legati a tutti gli aspetti del "microclima" cui le persone sono esposte, che comprendono le condizioni di illuminazione, ma anche e soprattutto l'umidità dell'aria, il ricambio della ventilazione e la possibile emissione di alcune sostanze nocive dai materiali impiegati nella costruzione.

Per meglio comprendere quali siano gli inquinanti che possono essere presenti all'interno dei nostri edifici, si riporta la seguente tabella.
Inquinanti 
chimici
Monossido di carbonio (CO)
Biossido di azoto (NO2 )
Biossido di zolfo (SO2 )
Composti organici volatili (VOC)
Formaldeide (CH2O)
Benzene (C6H6)
Idrocarburi Aromatici Policiclici (IPA)
Ozono (O3)
Particolato aerodisperso (PM10, PM2.5)
Fumo di tabacco ambientale
Pesticidi
Amianto
Inquinanti 
biologici
Batteri
Virus
Pollini
Funghi e muffe
Acari (considerati tra le principali cause di allergia ed asma)
Allergeni degli aanimali domestici
Inquinanti fisici
Radon
Ovviamente, però, non va dimenticato che un impianto VMC deve essere dimensionato in modo corretto, affinché i vantaggi ottenibili, soprattutto in ambito energetico, non vengano vanificati in termini di assorbimenti elettrici da parte delle unità di ventilazione.
Nell'ottica di un corretto audit energetico dell'edificio ospitante, inoltre, non vanno tralasciati i costi derivanti dalla manutenzione ordinaria che tali impianti richiedono, come ad esempio la regolare pulizia dei filtri, elementi fondamentali e di indispensabile utilità, ma che possono rivelarsi deleteri per l'immobile e gli occupanti.
Share by: